180_thumb-patologie-trattate

thumb-riabilitazione

thumb-poliambulatori

thumb-cure-palliative

thumb-larin

22/09/2013 VII°Memorial Annamaria Lastella

Manifestazione podistica a passo libero di Km. 1 - 6 - 11

Con il patrocinio del Comune di Brescia

In allegato il Volantino con le informazioni e la mappa del percorso:
 

01/06/2013 L'EMOFILIA FRA CONTINUITA' TERAPEUTICA, BISOGNI E CRISI ECONOMICA (nel decennale di trattamento dell'artropatia emofilica)

Si svolgerà il 1 Giugno 2013 presso la Casa di Cura Domus Salutis, via Lazzaretto, 3 - 25123 Brescia.

L’emofilia è una Malattia Emorragica Congenita, la cui caratteristica principale è l’impossibilità del sangue a coagulare dopo un evento traumatico e/o una ferita. Presente già alla nascita, può essere di 2 tipi: A (per carenza di fattore VIII, 85% dei casi) B (per carenza di fattore IX, 15% dei casi) A questa tipologia di pazienti si aggiunge quella degli emofilici con INIBITORE, cioè un limitato sottogruppo di pazienti che producono anticorpi in risposta all’infusione del fattore carente, di derivazione plasmatica o di origine ricombinante; ciò pone ulteriori e maggiori difficoltà nella gestione terapeutica, per l’incrementato rischio emorragico. I farmaci ricombinanti hanno un costo elevato ma hanno mostrato maggior sicurezza, rispetto ai plasma derivati, nella trasmissione di infezioni per cui si è parlato di necessità della “continuità terapeutica”. Oggi la crisi economica ha messo in discussione questo concetto, ponendo sia i medici che i pazienti davanti ad interrogativi cui è difficile rispondere con certezza. L’emofilia è riconosciuta malattia rara (in Italia si calcola ci siano dai 5 ai 6mila emofilici) e per ogni Regione è stato individuato almeno un presidio di rete per la cura di tale malattia; a Brescia sono noti più di 100 pazienti emofilici adulti e circa 30 pazienti in età pediatrica. Per la naturale evoluzione della malattia, purtroppo, gli emofilici mostrano ripetuti sanguinamenti a carico delle articolazioni (ginocchia, caviglie e gomiti, soprattutto), fino a giungere ad una grave compromissione osteoarticolare progressiva anche in età giovanile che, nella maggior parte dei casi, necessita di correzione chirurgica. Il buon esito della chirurgia ortopedica in questi pazienti dipende non solo dall’esperienza del chirurgo e dell’ematologo, ma anche da un programma riabilitativo post-operatorio mirato ed adeguato alle condizioni cliniche ed al rischio emorragico individuale. Dal 2003 ad oggi la nostra Casa di Cura ha messo a punto un programma che è stato affinato grazie alle competenze di professionisti che si sono specializzati sempre più nella gestione dell’emofilia. Riabilitatori, ematologi ed ortopedici per la loro continua ed operosa collaborazione hanno portato a trattare con successo più di 130 emofilici ed oggi, ma anche per il futuro, la “Domus Salutis” vuole confermare di essere punto di riferimento per gli emofilici operati.

 

Allegati:
Scarica questo file (EMOFILIA_Brescia_progr_opt.pdf)EMOFILIA_Brescia_progr_opt.pdf[Scheda Iscrizione]350 kB
Scarica questo file (EMOFILIA_Brescia_loc_opt.pdf)Programma[Programma]308 kB

25/05/2013 SINDROME DI ARNOLD-CHIARI E SIRINGOMIELIA

Il corso si svolgerà il 25 Maggio 2013 presso la Casa di Cura Domus Salutis, via Lazzaretto, 3 - 25123 Brescia.

La Siringomielia e la sindrome di Arnold-Chiari sono inserite nel nutrito gruppo delle malattie rare. In realtà studi recenti indicano che la loro incidenza nella popolazione è alquanto sottostimata. La sindrome si presenta con un multiforme corteo sintomatologico e nel 30% dei casi l’intervento neurochirurgico non è risolutore. Scopo dell’incontro è diffondere le più recenti conoscenze sulla malattia e costituire una rete di operatori della sanità sensibili ai numerosi problemi presentati dai pazienti.

 

Allegati:
Scarica questo file (25 maggio 2013.pdf)25 maggio 2013.pdf[Presentazione e Scheda Iscrizione]379 kB

I-Therapy: proposte per la riabilitazione cognitiva e motoria dell'arto superiore in ambito neuroriabilitativo

"I-Therapy: proposte per la riabilitazione cognitiva e motoria dell'arto superiore in ambito neuroriabilitativo. Nel corso degli ultimi anni la tecnologia disponibile sui tablet di nuova generazione ha fornito nuove opportunità di diagnosi e terapia per i pazienti inseriti in percorsi di riabilitazione a vario titolo. Per tale motivo, nell'area del Laboratorio LARIN, è stato messo a disposizione un opuscolo educazionale circa le principali opportunità offerte dalle apps scaricabili sul tablet IPad."

E' possibile consultare l'opuscolo informativo nella sezione LARIN

18 Aprile 2013: "L'utilizzo dell'esoscheletro Rewalk nella persona paraplegica: Primo Meeting Internazionale presso la Casa di Cura Domus Salutis"

L'utilizzo dell'esoscheletro Rewalk nella persona paraplegica: Primo Meeting Internazionale presso la Casa di Cura Domus Salutis"
 

Il 18 di Aprile dalle ore 9.00 alle ore 14.00, si terrà il primo Meeting di esperti e centri qualificati all'utilizzo del Rewalk per l'addestramento al cammino nella persona con lesione midollare. L'incontro prevede la partecipazione di esperti italiani e stranieri. In modo particolare si segnala la presenza della Prof.ssa Ann Spungen, Main Investigator del progetto Rewalk presso l'Ospedale VA Bronx James J. Peters di New York, e dell'Ing. Asselin, responsabile del progetto Rewalk dal punto di vista ingegneristico presso lo stesso Centro.

L'incontro rappresenta un importante momento di crescita culturale e scientifica per tutto il personale della Casa di Cura coinvolto nel progetto Rewalk e per gli altri utilizzatori italiani.

Per informazioni: 030-3709750

15/02/2013 TangoTerapia

Tango Terapia

Migliora la funzionalità delle articolazioni, previene le retrazioni muscolari, ma soprattutto influisce positivamente sull'umore. La «tangoterapia», da alcuni mesi in sperimentazione a Brescia nel reparto di riabilitazione neurogeriatrica della Domus Salutis sui malati di Parkinson, secondo gli esperti sta dando ottimi risultati: «Abbiamo notato che le signore che partecipano alle sedute spesso iniziano a truccarsi e ad indossare bigiotteria - racconta Luciano Maffina, fisioterapista della Domus Salutis - Per questi malati, che spesso si sentono esclusi, uno stimolo importante anche per la socializzazione».

Miglioramenti anche nella camminata all'indietro, una delle azioni più complesse per un malato di Parkinson, che spesso tende alla festinazione o a bloccarsi. Ma il tango dev'essere comunque inserito in un intervento riabilitativo più complesso e multidisciplinare: «Qui i pazienti restano in genere per quattro settimane - spiega la dott.ssa Patrizia Crippa, responsabile del reparto di riabilitazione neurogeriatrica della casa di cura di via Lazzaretto - e vengono seguiti da medici, fisioterapisti, logopedisti, neuropsicologi, dietisti e assistenti sociali. Tra le attività più stimolanti la ginnastica in acqua e la terapia occupazionale, che prevede la simulazione di attività quotidiane in un appartamento fittizio».

Dei primi risultati del trattamento «a base di tango», a cui hanno partecipato una trentina di pazienti, si parlerà anche in un convegno organizzato alla Domus Salutis il 27 febbraio: «Presenteremo il nostro protocollo riabilitativo - annuncia Crippa - che si ispira alla letteratura medica d'oltreoceano, visto che in Europa mancano ancora linee guida standardizzate nella cura di questi pazienti».

Obiettivo: coinvolgere Asl, medici di medicina generale e le altre strutture riabilitative in una rete che offra assistenza continua e quanto più idonea ai malati, che nella nostra provincia sono in costante aumento. «I pazienti parkinsoniani - sottolinea Crippa - sono aumentati in un solo anno del 20% nel nostro reparto e l'impressione è che saranno sempre di più».

Clara Piantoni

27/02/2013 Malattia di Parkinson

Malattia di Parkinson: dalla Diagnosi alle Terapie

Approccio Multiprofessionale al paziente parkinsoniano

Allegati:
Scarica questo file (27 febbraio 2013.pdf)27 febbraio 2013.pdf[ ]507 kB

08/02/2013 Corso di Formazione teorico-pratico

Alleghiamo la locandina relativa al Corso di Formazione teorico-pratico che si svolgerà il gg. 08 febbraio 2013.

Allegati:
Scarica questo file (8 FEBBRAIO 2013.pdf)8 FEBBRAIO 2013.pdf[ ]801 kB

Tempi di Attesa Prestazioni Ambulatoriali

Pubblicati nel menù "Poliambulatori -> Tempi di Attesa delle Prestazioni Ambulatoriali" i nuovi Orari.

Aggiornamento Sito Web Domus Salutis

Domus Salutis Brescia rinnova l'aspetto grafico del suo nuovo sito Web, un portale più semplice e flessibile dedicato alla nostra struttura.